rosacroceAssociazione Rosacrociana Oceanside (A.R.C.O.)
Casella Postale 33
56026 San Benedetto a Settimo (Pisa)
Tel.: 346-3722365
E-mail: segreteria@rosacroce.it
URL: www.rosacroce.it

Carl Louis von Grasshoff  nasce in Danimarca da una famiglia aristocratica tedesca nel 1865. Dopo una giovinezza avventurosa trascorsa dapprima nella marina mercantile, quindi a New York come ingegnere, si trasferisce nel 1903 a Los Angeles dove diventa una figura importante della Società Teosofica. Nel 1907 compie un viaggio in Germania. Al ritorno, riferisce di avere incontrato – oltre a Rudolf Steiner, il futuro fondatore della Società Antroposofica – un “Fratello Maggiore dell’Ordine della Rosa-Croce”, che lo ha condotto in un misterioso tempio alla frontiera fra Germania e Boemia, rivelandogli una dottrina segreta che dovrà diffondere nel mondo. Tornato negli Stati Uniti, pubblica nel 1909 la sua opera fondamentale La Cosmogonia dei Rosacroce. Nel 1910 sposa una nota astrologa, Augusta Foss (1865-1949): insieme, i coniugi Grasshoff avranno un influsso decisivo sul risveglio dell’interesse per l’astrologia nel secolo XX. Negli anni 1910-1918 Grasshoff – ormai noto con lo pseudonimo di Max Heindel – pubblica numerosi ulteriori volumi e costruisce a Oceanside, in California, il centro mondiale della sua Associazione Rosicruciana che comprende, oltre agli uffici amministrativi, un tempio a dodici lati che simboleggiano i dodici segni dello zodiaco. Sofferente di cuore, Heindel muore nel 1919; gli succede la moglie, sotto la cui direzione continua un’espansione internazionale che interessa tutti i Paesi dell’Occidente.

In Italia è presente dal 1923, quando la casa editrice Di Cesare (Pesaro) pubblica in traduzione italiana la prima parte de La Cosmogonia dei Rosacroce; in seguito le attività si spostano a Casale Monferrato (Alessandria). La creazione di una struttura italiana dell’Associazione deve molto all’opera di Olga Faella (1910-2000), che negli anni 1950 costituisce a Milano una Fraternità dei Rosacroce. Nel 1965 soggiorna a Oceanside, dove riceve un incarico ufficiale per la diffusione degli insegnamenti di Max Heindel in Italia. Tornata a Milano, nel 1966 si trasferisce a San Benedetto di Lugana (Verona), dove continua a tradurre i testi dell’Associazione e a diffonderli per corrispondenza. Il 25 luglio 1973 è fondata a Verona l’Associazione Rosicruciana Oceanside (A.R.C.O.), con sede a San Benedetto di Lugana. Dal 1997 la sede è trasferita a Vaprio d’Agogna (Novara), con gruppi di studio che operano in diverse regioni italiane. Successivamente la sede viene trasferita in provincia di Pisa, dove si trova attualmente. Anche a Padova opera un Gruppo Studi Rosacrociani (Casella Postale 582, 35122 Padova), riconosciuto indipendentemente dalla sede centrale di Oceanside e che offre una gamma completa di corsi e di rituali.

Il sistema di Heindel ha un orientamento più “religioso” rispetto ad altri movimenti rosacrociani, comprende rituali per matrimoni e funerali ed è caratterizzato dal forte interesse per l’astrologia nonché dall’obbligo per i membri di astenersi dall’alcool, dal tabacco e dalla carne. La dottrina conserva una forte impronta teosofica. La divisione dell’universo in sette mondi e l’evoluzione secondo sette periodi che corrispondono ai pianeti riprendono idee di Madame Blavatsky, la fondatrice della Società Teosofica, e di Steiner, e lo stesso si può affermare delle teorie di Heindel sulla reincarnazione, su Gesù Cristo, e sulla successione di “razze” sulla Terra nelle epoche chiamate rispettivamente polare, iperborea, lemuriana, atlantica e ariana. Nella presente epoca “ariana” sono presenti sette razze o nazioni; negli attuali Stati Uniti avviene la loro fusione, “germe” dell’ultima razza al principio della sesta epoca, in cui gli uomini raggiungeranno una nuova perfezione oggi sconosciuta. La dottrina di Heindel sul significato occulto dei colori, che potrebbero essere disposti in una gerarchia al cui vertice ci sarebbe il colore blu, ha suscitato l’interesse di vari artisti. Il più noto è il francese Yves Klein (1928-1962), che per diversi anni rimase iscritto all’Associazione Rosacrociana, prima di proseguire la sua ricerca spirituale in altre direzioni.

B.: Alle opere di Max Heindel sono state dedicate, per quanto riguarda le traduzioni italiane, collane dalle case editrici Jupiter, di Pisa, quindi Le Edizioni del Cigno, di Torino. Fra i numerosi titoli, segnaliamo – della prima casa editrice – La Cosmogonia dei Rosacroce (1991 e 2001); Framassoneria e cattolicesimo: le lontane origini (1990); Il Messaggio delle Stelle (1992); La reincarnazione secondo il pensiero rosacrociano(1995); Misteri della Rosacroce (1997); Astrodiagnosi (1998); Salute e Guarigione(1999); Filosofia Rosacroce (2 voll., 1999); L’Iniziazione antica e Moderna (2004); e della seconda: La trama del destino (1996); Spigolature di un mistico (1996); Insegnamenti di un iniziato (1997); Principi occulti di salute e di guarigione (1999). L’A.R.C.O. pubblica la rivista trimestrale Sentiero Rosacrociano. In occasione del centenario della nascita della Fraternità Rosacrociana di Oceanside, nel 2009, le edizioni Jupiter hanno pubblicato il volume Max Heindel e la Fraternità Rosacrociana, che tratta particolarmente della vita del fondatore. Sui rapporti fra Klein e l’Associazione Rosacrociana, cfr. Thomas McEvilley, “Yves Klein et les rose-croix”, in Yves Klein, Centre Georges Pompidou, Parigi 1983, pp. 233-244.