eb_10The Kabbalah Centre – Centro della Kabbalà
(Gruppo di studio a Milano:)
Tel.: 800-986209
E-mail:ruth.bouhanna@kabbalah.com
URL: www.kabbalahcentre.it

Il Kabbalah Centre trae la sua origine – diretta o indiretta, come si precisa qui oltre – dalla Yeshiva Kol Jehuda, fondata a Gerusalemme da Rabbi Yehudà Halevì Ashlag (1884-1954) nel 1922, una scuola cabbalistica tradizionale aperta a un numero ristretto di frequentatori. Alla morte del fondatore, molti discepoli seguono Rabbi Yehudà Tzvi Brandwein (1904-1969). Altri si schierano con il figlio del fondatore, Rabbi Baruch Shalom HaLevi Ashlag (1907-1991). Dopo la morte di quest’ultimo la sua branca si frammenta a sua volta in diversi gruppi, i più noti dei quali sono il Kabbalah Institute of America e il Centro Mondiale Bnei Baruch per gli studi di Kabbalah, diretto da Rabbi Michael Laitman e che ha iniziato un’attività di congressi e corsi anche in Italia. Quanto alla branca di Brandwein, rimane per diversi decenni di piccole dimensioni, ma si differenzia e acquista una notorietà internazionale quando un rabbino ortodosso – Feivel S. Gruberger (1927-2013), più tardi noto con il nome di Rabbi Philip Shagra Berg – incontra a Gerusalemme, nel 1962, Brandwein, diventandone l’allievo prediletto e sposandone una nipote. Alla morte del maestro, nel 1969, Rabbi Berg si proclama dagli Stati Uniti (dove, nel 1965, ha già intrapreso le attività del Kabbalah Learning Centre, aprendo un centro a New York, seguito da numerosi altri in tutto il mondo) il successore di Brandwein, esibendo anche qualche documento a riguardo.

Nel contempo, in Israele, il figlio di Rabbi Yehudà Tzvi Brandwein – Avraham Brandwein – resiste alla rivendicazione di Berg e le relazioni peggiorano ulteriormente quando, nel 1971, quest’ultimo divorzia dalla nipote di Brandwein per sposare Karen Cohen, che diventa la sua principale collaboratrice. D’altro canto, le difficoltà ineriscono anche alla finalità attribuita da Rabbi Berg al Kabbalah Centre, ovvero di diffondere la conoscenza della Qabbalah – un tempo riservata a un’élite – a tutti coloro che desiderano accostarvisi (anche non ebrei); un atteggiamento che gli causa numerose critiche da parte di altri ambienti cabbalistici, negli Stati Uniti e in Israele. Da questo momento il centro di Gerusalemme guidato da Avraham Brandwein e quello americano fondato da Rabbi Berg sono del tutto separati: entrambi rivendicano la discendenza spirituale da Rabbi Yehudà Halevì Ashlag e Rabbi Yehudà Tzvi Brandwein, ma in competizione fra loro. Nel 1974 Rabbi Philip Shagra Berg si trasferisce in Israele e nel 1981 ritorna negli Stati Uniti. Dal 2004, quando è vittima di un infarto, inizia a trasferire la guida del Kabbalah Centre ai figli Yehuda e Michael, che gli succedono come co-direttori del Centro quando Berg muore a Los Angeles il 16 settembre 2013.. Al momento attuale sono circa quaranta i centri del Kabbalah Centre in tutto il mondo; per quanto riguarda l’Italia – dove le attività sono iniziate in maniera ufficiale nel corso del 2000 -, i membri sono un centinaio e il gruppo di studio che li coordina è a Milano (in precedenza era a Roma).

Rabbi Berg insiste sul potere dello Zohar, il principale testo cabbalistico. Anche chi non conosce l’ebraico percorrendo semplicemente i volumi, ovvero onorandoli adeguatamente, può ricavarne benefici importanti per la propria vita senza propriamente “leggerli”. Negli ultimi anni Berg sottolinea con particolare enfasi i temi dell’astrologia e della reincarnazione. Questo gli ha permesso un successo in vari ambienti – e l’attenzione di alcuni discepoli famosi, fra i quali la cantante Madonna e le attrici Gwyneth Paltrow e Barbra Streisand -, ma ha attirato nuove critiche da parte dell’ebraismo ortodosso e dello stesso Jewish Renewal Movement. I centri del Kabbalah Centre si occupano di ricerca, informazione e assistenza, attraverso lezioni, pubblicazioni, nastri registrati, conferenze e seminari, e svolgono le loro attività con il proposito di attivare tutte le risorse del pensiero, parola e azione per trasmettere la sapienza della Qabbalah nel più comprensibile dei modi, proponendola come strumento pratico applicabile ai problemi e alle difficoltà che l’uomo è chiamato ad affrontare nella propria vita quotidiana.

B.: Per uno studio scientifico, cfr. Jody Myers, Kabbalah and the Spiritual Quest. The Kabbalah Centre in America, Praeger, Westport 2007. Il movimento diffonde la rivista internazionale in lingua inglese Kabbalah. Di Philip S. Berg sono stati pubblicati in trad. it.: Primi passi nella Kabbalà, 2 voll., Kabbalah Learning Centre, Gerusalemme-NewYork 1992; Ruote di un’anima, Kabbalah Learning Centre, Gerusalemme-NewYork 1992; Il potere dell’uno, Kabbalah Learning Centre, Gerusalemme-NewYork 2001. Di Idem, in lingua inglese, si vedano pure: The Power of Alef Bet, 2 voll., Kabbalah Learning Centre, Gerusalemme-NewYork 1988; e Secret Codes of The Universe, The Kabbalah Centre, Gerusalemme-NewYork 2000.

ebraismo
ordina questo libro