Copia di mov_messLa Chiesa Evangelica Messianica di Civitanova Marche e l’Alleanza Messianica Italiana

Chiesa Evangelica Messianica di Civitanova Marche
c/o Argentino Quintavalle
E-mail: argentinoq@libero.it
URL: http://www.messiev.altervista.org

La Chiesa Evangelica Messianica di Civitanova Marche si caratterizza per una particolare predilezione per il popolo d’Israele e il desiderio di una restaurazione del culto del tempo degli Atti degli Apostoli, con una forte attenzione alle radici ebraiche del cristianesimo e con l’uso del nome ebraico di Gesù, Yeshua, peraltro con una funzione di pura restaurazione linguistica, senza alcuna valenza liturgica o taumaturgica. Fa parte dell’ampia corrente giudeo-messianica, che conta più di quattrocento comunità nel mondo, e aderisce alla IAMCS ( International Alliance of Messianic Congregations and Synagogues).

La Chiesa di Civitanova Marche s’inserisce in un ambiente giudeo-messianico marchigiano dove è attiva la rivista online Jeshurum, di cui è editrice una Alleanza Messianica Italiana di Ancona. Secondo un “manifesto messianico” pubblicato da Jeshurum, “i messianici sono i credenti che credono in Yeshua Ha Maschiach di Nazaret, rampollo (Notzri) di David, nel cui Nome risiede ogni autorità e potenza, nei cieli e sulla terra”.

Con i movimenti del Sacro Nome i messianici di Ancona e la Chiesa di Civitanova Marche condividono il rifiuto di ogni opposizione o dicotomia fra ebraismo e cristianesimo e la celebrazione delle feste ebraiche. Manifestano un interesse per la vita religiosa e culturale dello Stato d’Israele e, in particolare, per le teorie di David Flusser (1917-2000), l’illustre storico ebreo ortodosso che vedeva in Gesù Cristo unotzadik, un autentico maestro ebraico le cui differenze con l’ebraismo tradizionale sarebbero state impropriamente enfatizzate, quando non inventate, da quelli che la tradizione cattolica chiama Padri della Chiesa, in un periodo successivo all’epoca apostolica.

A differenza della comunità siciliana di Trapani – e certamente anche del professor Flusser – questi gruppi marchigiani riconoscono però pienamente la divinità di Gesù Cristo.

B.: Si farà riferimento alla rivista online Jeshurum (www.jeshurum.org) e al sito della Chiesa Evangelica Messianica di Civitanova Marche.

La comunità Bney Efraim di Caltanissetta

Associazione Bney Efraim
Viale della Regione, 1
93100 Caltanissetta
E-mail: ass.efraim@gmail.com

La comunità Bney Efraim – che presenta elementi di affinità con la Chiesa Evangelica Messianica di Civitanova Marche – nasce a Caltanissetta nel 2010 a opera di Nazzarena Condemi e si caratterizza come un movimento messianico. La Condemi nasce a Torino nel 1952 in una famiglia benestante; si trasferisce a Roma con la famiglia per motivi di lavoro e sempre nella capitale completa gli studi universitari presso l’Università La Sapienza, conseguendo una laurea in Pedagogia. Cattolica praticante, si applica allo studio storico e teologico della Bibbia riscoprendone quelle radici ebraiche che sono la base degli elementi d’insegnamento della stessa fede cristiana, nell’ottica di una sottolineatura dell’ebraicità di Gesù.

L’Associazione Bney Efraim si è data come scopo di ristabilire la semplicità del Vangelo e della Chiesa giudeo-cristiana delle origini. La corrente di riferimento della comunità è la riscoperta dell’ebraismo biblico dal quale prende vita il cristianesimo. Attraverso lo studio contestuale della realtà storica, culturale e sociologica giudaica, si considera di realizzare il messaggio evangelico di Gesù Cristo nella sua interezza.

La comunità conta circa 100 membri, che si riuniscono due volte la settimana presso locali in affitto a Caltanissetta. La pratica rituale consiste nella lettura della Bibbia, attraverso canti di lode e adorazione rivolti alla Trinità. Si festeggiano le feste ebraiche bibliche di pellegrinaggio che erano la festa delle capanne, della Pentecoste e della Pasqua.

B.: L’Associazione Bney Efraim assume come testi di riferimento alcune opere dell’esegeta neotestamentario ebreo e diplomatico israeliano Pinchas Lapide (1922-1997), fra cui si vedano in trad. it.: Bibbia tradotta Bibbia tradita, EDB, Bologna 2000; Predicava nelle loro sinagoghe. Esegesi ebraica dei vangeli di Lapide Pinchas, Paideia, Brescia 2001; Il discorso della montagna. Utopia o programma?, Paideia, Brescia 2003; Idem – Jürgen Moltmann, Israele e Chiesa: camminare insieme? Un dialogo, Queriniana, Brescia 1992; Iidem, Monoteismo ebraico-Dottrina trinitaria cristiana. Un dialogo, Queriniana, Brescia 1982. Cfr. pure Silvia Baldi Cucchiara, Israele e il movimento messianico in ItaliaPaideia, Brescia 2006.